Persone Famose che ho Conosciuto

lrh_cbr

PERSONE FAMOSE CHE HO CONOSCIUTO

Una conferenza del

Cap. W. B. Robertson

alla

OT Convention del 1990

vicino a Parigi, Francia

Benvenuti all’OT Convention del 1990!

Ci siamo divertiti un sacco fin’ora, abbiamo assistito a delle grandi conferenze e visto i prodotti in esposizione, e una “serata musicale” a tarda notte la notte scorsa, e abbiamo il gran finale in arrivo, dove faremo le presentazioni.

Ma ora – voglio dirvi qualcosa riguardo a quello che nel programma è scritto come: conferenza su “Persone Famose”. In realtà si chiama “Persone Famose Che Ho Conosciuto”. Ora io ho conosciuto soltanto una persona famosa in questa vita, perciò parlerò di lui. E lo conoscerete come L. Ron Hubbard, oppure se siete più sulla traccia intera potreste conoscerlo come Elron Elray. Ora la prima cosa che voglio fare, dal momento che un sacco di persone rivendicano lo status dal “conoscere” persone famose – non voglio quindi fare ciò, ma dimostrarvi che lo conoscevo, e questo è più importante.

Ho qui il Flag Order N. 2372 del 6 marzo 1970, ed è un encomio:

I seguenti ufficiali e sottoufficiali vengono altamente encomiati in quanto missionari nel recente periodo di crociera sulle relazioni pubbliche”. Il Capitano W. B. Robertson è il primo della lista – ed è firmato da L. Ron Hubbard, Commodoro.

Ne ho un altro qui del 6 marzo 1970:

Con la presente encomio altamente il Capitano W. B. Robertson per l’eccellente prestazione di servizio come Capitano della Nave Ammiraglia”, ed è firmato (anche con alcune altre persone encomiate) da L. Ron Hubbard.

[Seguono 3 pagine del Registro delle Missioni di CBR]

CBR Mission Records pag 1-page-001CBR Mission Records pag 2-page-001CBR Mission Records pag 3-page-001

Ne ho un’altra qui del 30 aprile 1975, il Flag Condition Order 381-1, che dice “Kha Khan”“Al Capitano W. B. Robertson, rango di Braccio Destro [ha le qualifiche per comandare una nave, a differenza di, e in aggiunta al rango di Braccio Sinistro, che è amministrativo, ndt], viene con la presente conferito lo status di KHA KHAN, per l’eccellente servizio come Capitano della Nave Ammiraglia Apollo, e una lunga carriera di successi e alte statistiche nella Sea Organization”. Firmato L. Ron Hubbard, Commodoro.

Kha Khan significa – è un vecchio termine Cinese – dai Mongoli, e significava: Sei perdonato dalla pena di morte per dieci volte.

E poi ho una lettera, una lettera personale, battuta a macchina il 18 agosto 1980. Fu appena prima che Ron scomparisse dall’area della California. Proviene da “R”, che allora era l’iniziale di “Ron”, o “L. Ron Hubbard” – l’ha firmata soltanto con “R”.

Dice: “Bill Robertson, RE: musica e poema su Canzoni della Sea Org” – (gli avevo mandato della musica che avevo fatto per la Sea Org, canzoni di marcia e così via). Dice: “Caro Bill, bene! Sono davvero impressionanti! Grazie mille per avermi mandato queste copie per la mia libreria. Capisco che hai fatto un ottimo lavoro come Commanding Officer del Flag Bureau (a Clearwater, Florida) mentre Kerry si stava addestrando a International. Il tuo lavoro lì è di certo apprezzato, ma sono felice anche di sapere che sei ritornato a casa. Con affetto, R. (Ron).

E l’ultima che voglio mostrarvi – cito – “Nell’universo MEST bisogna ‘dimostrare’ ogni cosa in modo un po’ più solido” – e sarebbe il Pugnale degli Ufficiali della Sea Org, che veniva conferito soltanto ai Missionari di Prima Classe, e mi è stato dato da L. Ron Hubbard, Commodoro.

(Il Pugnale degli Ufficiali viene mostrato al pubblico)

Ne sono stati conferiti meno di dieci in tutta la storia della Sea Org.

Ok, perciò questa è la mia “buona fede”, la mia prova per voi che io lo conoscevo – ma anche che lui conosceva me. Perciò non sto soltanto rivendicando uno “status”, ok?

Ora, forse avete sentito, oppure letto, riguardo a molti libri scritti dopo il 1980 su quest’uomo chiamato L. Ron Hubbard. E forse può essere che siete stati un pochino, diciamo, “delusi” a causa dei dati contenuti in essi, perché c’era questa immagine di un uomo totalmente bloccato sulla 1a e 2a dinamica. Ad ogni modo, in base alla mia esperienza con il C/Sing dei casi, e conoscendo le persone che hanno scritto questi libri, io direi piuttosto che erano loro quelle che erano bloccate su 1a e 2a dinamica.

E sono qui per dirvi che ci sono cose riguardo a LRH che il mondo non ha ancora sentito. Perciò inizierò a raccontarvi le mie reali esperienze con lui, ma sulla mia dinamica, ed in particolar modo la 3a dinamica, la quale, come avete sentito ieri nel discorso di Arnold, è una dinamica molto importante per tutta la vita.

Perciò, torniamo indietro al 1962, la prima volta che ascoltai LRH. Ero a Denver, nel Colorado, e ascoltai il suo nastro “La Strada per la Verità”. E dopo di che chiesi al responsabile del Centro. Dissi: “Wow! È stata grandiosa! Ne ha mai fatte delle altre?”. Sapete, il nastro aveva risposto a molte domande che io mi ero posto riguardo alla vita, e che cosa stiamo facendo nella vita. Perciò fui sopraffatto, e non deluso, quando il tizio, il responsabile, mi disse: “Oh, ne ha fatti quasi 2.000!”. Ed io dissi: “E dove sono?”. E lui disse: “Beh, non le abbiamo tutte qui, ma sono a Saint Hill, in Inghilterra”.

Così iniziai subito a mettere via soldi, e a pianificare di andare a Saint Hill, e fare tutti i corsi necessari per fare il Saint Hill Special Briefing Course. E lì fu la prima volta che vidi LRH. E che lo incontrai. Ed il modo in cui successe fu che io e altri due studenti del Briefing Course eravamo in una delle cappelle a suonare la chitarra, all’ora di pranzo. E tutto ad un tratto la porta si aprì ed entrò Ron. E noi eravamo un po’ imbarazzati perché dei lavoratori stavano facendo delle costruzioni nella cappella, e non dovevamo essere lì. Così ci fermammo di suonare, e ci scusammo. “Ci scusi signore”, sapete, cose del genere. E Ron si mise a ridere e venne lì e disse: “Hey, avete una chitarra qui: avete mai sentito questa canzone?”. E così iniziò a suonarci una canzone, e ci cantò una delle vecchie – disse che era una canzone di pirati. Sapete – dalla traccia. E poi si presentò e disse: “Benvenuti al Briefing Course! Sono felice che siate qui, divertitevi e che possiate avere un grande successo con la tecnologia”.

Ora questo difficilmente può sembrare il “messia del male” che avete letto nei libri. Ok, così lo vidi molte volte a Saint Hill, perché a quel tempo stava dando conferenze, e gli ultimi nastri sullo studio. E stava per fare il suo viaggio, andata e ritorno, in Rodesia. Io fui lì a Saint Hill per tutto questo periodo. E quando finii il Briefing Course, decisi di lavorare lì a Saint Hill. A quel punto avevo ascoltato 6 o 700 di quei nastri! Così feci il contratto di Staff a Saint Hill, e fui messo nell’area dell’auditing, in quanto ero Classe VI a quel tempo. Ed iniziai anche l’Internato di Classe VII.

E poi ricevetti la mia prima comunicazione scritta da LRH, perché adesso ero sulla 3a dinamica, e mi ordinò per scritto di prendere il posto di Direttore della Revisione a Saint Hill. Ora dobbiamo capire il suo punto di vista sulla 3a Dinamica: lui non voleva perdere nessuno dalle linee. E i precedenti Direttori della Revisione – ce n’erano stati 2 prima – avevano permesso che 173 casi fossero lasciati non maneggiati là fuori nel campo.

Così mi diede il compito di – queste immense pile di folder, capite – maneggiare tutti questi, e mi disse: “Voglio tutto questo arretrato – li voglio tutti maneggiati e tornati sulle linee, e ti do 3 mesi di tempo per vedere se puoi farlo”. E mi diede anche un briefing su come far ritornare le persone se sono fuori dalle linee. Ed io usai tutta questa tecnologia, e alla fine dei 3 mesi mi erano rimasti 18 folder di persone che non ero riuscito a contattare, o che non avevano risposto o quello che era, perciò pensai: “Oh cavolo, adesso è il mio turno. Verrò rimosso, e metterà qualcun’altro qui”.

Ma Ron ispezionò quei folder e disse: “Ok. È stato un buon lavoro”. Perché circa 163 rientrarono – e disse: “Puoi rimanere sul posto. Queste altre persone possono essere fuori dal Paese per un po’ o altro, perciò li riporterai dentro quando tornano”.

Ero sotto pressione. Ora, notate due cose riguardo a ciò: avrei potuto riportare la cosa come se lui mi avesse soltanto fatto maneggiare tutte quelle persone. Ma in realtà Ron era preoccupato per chiunque avesse iniziato Scientology e non avesse continuato, e quelle 173 persone erano là fuori e lui voleva che ritornassero sulle linee per sistemare la loro carica oltrepassata e farli ritornare felicemente sul Ponte.

E mi aveva messo in una situazione di 3a Dinamica in cui dovevo applicare la corretta tecnologia oppure avrei fallito. E a quel punto avevo revisionato e audito quasi tutte quelle persone che erano tornate per maneggiare il loro caso, e avevo imparato davvero tantissimo, perché Ron li C/Ssava anche. Perciò imparai davvero tanto su che cosa è una 3a Dinamica, e sulla responsabilità per le persone di una 3a dinamica. E su come occuparsi del pubblico, su come Ron non volesse che nessun tipo di turbolenza entrasse nella 4a Dinamica, perché era già fin troppo inturbolata.

Così, ero tutto indaffarato nella Revisione e nel mio Internato di Classe VII. E poi Ron scomparve improvvisamente da Saint Hill per un po’. Noi non sapevamo dove fosse realmente. E sentimmo queste strane voci riguardo a delle navi. Ed il Sea Project.

E all’improvviso membri dello staff stavano scomparendo, anche nel mezzo della notte, e non furono più rivisti. E c’era un’area di massima sicurezza in uno dei garage, dove nessuno poteva entrare. C’erano delle persone di notte lì, e stavano facendo qualcosa – in apparenza – di più confidenziale che C/Ssare folder sui Procedimenti di Potere! Uno dei miei auditor stava passando per caso vicino al garage, quando la porta si aprì per far uscire qualcuno, e lui diede una rapida sbirciata all’interno, e tornò a dirmi che cosa vide. “Uh, non voglio avere un withold mancato, non voglio trattenere nulla, ma ho visto che cosa stavano facendo lì dentro!”. Ed io gli dissi: “Non preoccuparti, non mi interessa far sapere il tuo withold mancato. Che diavolo stavano facendo?”. Disse: “Stavano tutti – avevano pezzi di corda in mano, e stavano facendo nodi lì dentro!”.

Ora a quel punto io ero, beh: “Wow, la cosa si sta facendo davvero misteriosa!”. Voglio dire, quello era qualche nuovo Procedimento OT superiore che stavano facendo? Non lo sapevo. Tenete a mente che poco dopo se n’è uscito con qualcosa chiamata NOTs! [risata da parte del pubblico di lingua inglese – ma le traduzioni in tedesco e francese non hanno prodotto la stessa battuta, dal momento che le parole sono differenti, nota del trascrittore].

Mi ricorderò delle traduzioni, e non farò più battute su giochi di parole come questi.

Perciò feci domanda per – ero sul Clearing Course a quel tempo, e bisognava essere sul Clearing Course ed essere membri dello staff con contratto a Saint Hill per poter far domanda per unirsi al Sea Project, perciò lo feci.

E dopo un paio di settimane ottenni una lettera di accettazione firmata dal Comunicatore di LRH a Saint Hill, perché Ron era ancora disperso, e non sapevamo dove fosse. Così fui chiamato nell’ufficio del Comunicatore di LRH a Saint Hill. Era nell’ufficio di Ron che stava sedendo, e mi disse: “Adesso sei sotto gli Ordini del Sea Project”. E mi disse: “non andare a prendere il tuo e-meter e le tue cose nella Divisione di Qual, incontrati questa notte a mezzanotte nella casa di questa persona (che era già nel Sea Project). Ci prenderemo cura noi di tutte le tue cose che hai lasciato in Qual, tu semplicemente sistema dove abiti, paga l’affitto, e vai in quel posto stanotte a mezzanotte”. E mi mostrò un ordine via telex firmato da Ron, che diceva: “Robertson assegnato a Capo Ingegnere, Enchanter”. Era una grande avventura a quell’epoca!

Così feci quello che mi disse, e fui messo su un treno quella notte, da Londra per una città chiamata Hull, in Inghilterra. E lì trovai due navi del Sea Project, e moltissimi degli staff scomparsi da Saint Hill che ci stavano lavorando! Quella a cui fui assegnato salpò presto – a quel tempo aveva un capitano inglese, che non era uno scientologo – e la portammo giù a Las Palmas, Gran Canarie, che è a sud della Spagna. È un’isola nell’Atlantico. E fu una grande avventura, ma questo sarà il soggetto di un’altra conferenza.

Alla fine arrivammo. Non avevo ancora visto Ron, non sapevamo dove fosse. Arrivammo lì e andammo all’ufficio postale, per vedere se c’era qualche comunicazione per noi. E c’era una lettera per l’Enchanter. E proveniva da Ron. E diceva: “Sto arrivando all’aeroporto di Las Palmas”. E la data era per quella sera alle 7:30. “Per favore venite ad incontrarmi”.

Facemmo appena in tempo a prendere un taxi per l’aeroporto, e l’aeroplano era lì. Ed ecco LRH uscire dall’ingresso con degli grandi scatoloni ed una valigia. Non c’è bisogno che vi dica che cosa ci fosse in quelle scatole, perché avrete sentito un sacco di storie a riguardo. Quelli erano i materiali di ricerca di OT III. Aveva ricercato OT III nell’area di Teegeeack dove c’era la più grande città del pianeta, che era sulla costa nord dell’Africa. E così, per un certo tempo, era stato impegnato a mettere insieme il corso, il corso di OT III, e a studiare dei modi per renderlo più facile da maneggiare e per passare attraverso a tutti quei materiali. Nel frattempo noi eravamo impegnati a rimettere in sesto le navi, predisponendole esattamente come egli voleva che venissero usate, per una navigazione perfettamente sicura. E ci stava anche dando l’hat su come maneggiare le navi e su come navigare negli oceani.

All’inizio Ron pensava – perché ho parlato con lui diverse volte, e in quel momento parlavo con lui quasi ogni giorno – pensava che fosse necessario percorrere OT III in un clima caldo, perché c’erano diversi episodi molto pesanti da attraversare, e se non lo si faceva in un clima caldo il corpo sarebbe potuto diventare troppo freddo, e sarebbe potuto entrare in qualche malattia e così via.

Perciò voleva stabilire una base lì alle Canarie in cui portare gli OT per fare OT III. Poco dopo scoprì un modo in cui poteva essere fatto più facilmente, con una certa procedura che è quella che usiamo oggi. È la stessa identica cosa che abbiamo adesso su quel livello, che permette di percorrerlo in sicurezza ovunque sul pianeta. Ancora una volta potete vedere quanto egli si preoccupasse della salute e del benessere, e dell’abilità di salire il Ponte per gli scientologist e per il pubblico.

In seguito, man mano che procedemmo con le nostre missioni attorno al Mediterraneo, e che cercavamo di occuparci delle org e così via, venimmo conosciuti come la Sea Org. Fu rinominata – il Sea Project divenne la Sea Org. Uno dei meeting importanti che ebbi con altri ufficiali e con Ron fu nel suo ufficio dopo che acquistammo la Nave Ammiraglia Apollo – la grande nave che avete visto in tutte le foto. E ci sedemmo attorno al suo tavolo (in una stanza grande circa la metà di questa) in quella cabina, e lui ci raccontò tutta la storia del pianeta a partire da 75 milioni di anni fa, e anche dell’altra storia più recente in cui era stato coinvolto, negli ultimi 2 – 3000 anni.

E ci raccontò molte delle sue vite nel passato che stava usando per costruire riserve e tecnologia per prepararsi per l’auditing delle persone di questo pianeta. E ci disse che il Buddismo, quand’era Gautama, era stato il primo tentativo per portare le persone a stare fuori del proprio bank reattivo, ma c’erano due difficoltà principali a quel tempo nel Buddismo. Ed una era che le linee di comunicazione non avevano una buona duplicazione su di esse, e l’altra era che non c’erano strumenti per localizzare quale carica percorrere per prima su una persona. Perciò ci disse che il meglio che poteva fare con il Buddismo era di tenere le persone lontane dal bank facendo “la strada di mezzo” ed esteriorizzandole, se si riusciva a far fare key-out ad abbastanza massa. E disse che adesso aveva bisogno anche di mettere da parte abbastanza risorse, o di ottenere abbastanza risorse per farlo diventare un movimento mondiale.

Così proprio lì aveva messo giù il futuro della Sea Organization. Avrete letto il libro “Missione nel Tempo” – era riguardo al ritrovare le riserve. E potete notare l’intensa quantità di duplicazione e di linee di comunicazione che ha introdotto nella policy e nei volumi rossi. Ogni cosa fino al 1980 è – molto accurata. Tutti avevano macchine per telex nelle org, e da chiunque ci si aspettava che imparasse come duplicare quello che veniva detto e così via, in modo che non ci fosse alter-is. E avete visto l’intensa concentrazione che ci metteva nello sviluppare versioni nuove e migliorate dell’E-meter. E nell’insegnare alle persone a usarli. Addestrarli ad usare l’E-meter esattamente. (E questo continua ancora oggi, come potete vedere dai nuovi E-meter mostrati a questa Convention).

Ora inizierete a vedere l’immagine di un uomo che era preoccupato per l’intero pianeta e per i casi di tutte le persone su di esso. E la sua intera conoscenza della storia del pianeta, e su come portarlo ad una migliore condizione. Vi sembra questo un uomo che è collassato nella sua 1a e 2a Dinamica? Non penso proprio. Solo persone che sono esse stesse collassate sulla 1a e 2a dinamica possono ignorare queste cose.

C’era ancora una cosa che aveva come problema principale nell’ottenere la tecnologia applicata sull’intero pianeta. Ed egli disse: “In molti modi ho cercato di ottenere aiuto ufficiale da parte dei governi per il nostro progetto per questo pianeta, ed è sempre stato rifiutato. E successivamente siamo stati attaccati da quegli stessi governi. Apparentemente non vogliono vedere il loro popolo diventare più abile e più libero”. Così, un altro aspetto delle nostre missioni fu allora di cercare di trovare un posto sicuro, o una nazione sicura per fare OT. E anche un posto dove addestrare OT, in modo che potessero portare salute alle persone delle altre nazioni. Ora, quello fu il posto in cui lo schema futuro della sea Org fu stabilito, in quella conferenza.

Perciò ecco che cosa abbiamo fatto nei successivi 16 anni. Potrei aggiungere che durante quella conferenza, quando ci raccontò le storie delle esperienze sulla traccia, quando raccontava metteva il mock-up della beingness che era in quel momento, e lo faceva mettendo attorno a lui un campo di energia che chiunque poteva vedere. Per esempio, quando stava parlando di Budda, si vedeva un orientale seduto al tavolo. Era diventato in tutto e per tutto un mock-up di un orientale, con faccia diversa e tutto il resto, che come scintillava davanti al suo corpo. Quando ci parlò della sua esperienza nelle legioni marine Romane di Giulio Cesare, si poteva vedere l’elmetto di ottone, il pettorale dell’armatura, e una faccia differente, dall’aspetto romano, davanti al suo corpo. E ovviamente non eravamo sorpresi – sapevamo che era OT!

E la maggior parte delle persone a quel tempo avevano continuato comunicazioni telepatiche con lui in quanto auditor, o ogni volta che avevano bisogno di aiuto. Vi dirò ancora una volta che tutte le persone nel Sea Project a quel tempo erano al di sopra di Clear. E che quasi tutti loro erano diplomati del Briefing Course. In seguito, per incrementare il volume di quello che stavamo facendo, dal momento che c’era sempre più attività, i requisiti per il reclutamento vennero abbassati fino al punto in cui alla fine c’erano persone che entravano che non avevano molto addestramento e che non avevano questa realtà. Voglio proprio mettere l’accento su questa cosa, dal momento che un sacco di storie che si sentono provengono dal punto di vista di queste persone successive. E che erano molto spesso bloccate sulla loro 1a e 2a dinamica.

Così, mentre stavamo lavorando lungo questi 16 anni, vi racconterò una altro paio di meeting che ho avuto con Ron che furono importanti. Lo vedevo quasi ogni giorno per diversi anni, e parlavamo delle condizioni della nave – a quel tempo ero il Capitano, e mi sono incontrato con lui in un paio di occasioni più importanti che ora vi racconto.

E una di queste fu ad una vigilia di Capodanno – in cui si festeggiava, e stavo scendendo alla festa che ci sarebbe stata, e passai davanti all’ufficio di Ron. E lui era lì dentro nel suo giorno festivo con una pila di folder alta tanto così (circa 1 metro) – C/Ssando per mantenere i casi del suo equipaggio in buona forma, in modo che chiunque potesse operare meglio, e occupandosi di un’intera pila di dispacci nell’altro lato della scrivania, che avevano a che fare con questioni organizzative. Mi sentivo un po’ male ad andare alla festa mentre Ron stava lavorando, sapete? Ma mentre stavo scendendo la scala alla fine del ponte, vidi che una delle nostre imbarcazioni di ritorno dalla costa era nei guai. Stavano imbarcando acqua dal bordo. E così iniziai una manovra di emergenza con alcuni dell’equipaggio, e mi tolsi tutti i vestiti fino alle mutande, e superai il fianco della nave. E alla fine salvammo questa imbarcazione e la issammo su. Ci vollero circa 2 ore, mentre tutti gli altri erano dentro a ballare e a fare festa, vedete.

E Ron sentì quello che stava succedendo. Ed era persino uscito dal suo ufficio a guardare se stesse andando tutto bene. Nel frattempo aveva mandato un ordine alla sala motori per avviare i motori, in modo che potesse spostare la nave in modo da metterci al riparo, così che il vento non spingesse più le onde dentro alla barca. E quando fu certo che tutti fossero al sicuro, ritornò nel suo ufficio e continuare il suo lavoro.

Così verso mezzanotte io ero tutto bagnato e gocciolante, e passai ancora davanti al suo ufficio per salire alla mia cabina per mettermi dei vestiti asciutti.

E mi fece cenno dalla finestra, dicendo: “Entra!”. E ordinò ad uno dei messaggeri di prendere una coperta e di portare del brandy. E si sedette con me ad un piccolo tavolo da caffè nel suo ufficio, dove faceva colazione ogni giorno con Mary Sue. Versò quindi il brandy per noi e ci sedemmo e disse: “Ben fatto Capitano”. E “Conosco alcune storie del mare, sai, e sono il genere di cose che si devono fare in quanto Capitano”. E mi raccontò alcune storie dei vecchi periodi marittimi, ai tempi dell’impero romano.

Così, dopo aver bevuto qualche bicchiere di brandy, tutto era bello e caldo e asciutto, e allora disse semplicemente: “Mi dispiace che tu abbia perso la festa, ma penso che tu ti sia divertito di più a fare quell’operazione di salvataggio”.

Capite quello che sto dicendo? Quando ero passato davanti al suo ufficio prima, mi aveva letto nel pensiero, e sapeva che mi stavo sentendo un po’ male ad andare alla festa mentre lui stava lavorando, perciò aveva espresso la frase in modo tale da togliere come il withhold mancato e far si che fosse tutto ok.

Un’altra volta che vi voglio raccontare fu quando eravamo a Madeira durante il “Rock Festival”, dove la CIA aveva cercato di far sì che il Partito Comunista del Portogallo distruggesse la nostra nave e la desse alle fiamme fino alla linea dell’acqua. Quando la cosa iniziò vidi arrivare una folla di 2 o 300 persone con sassi e Molotov, e così corsi per il pontile e feci in modo che andassero tutti a quello che chiamiamo le stazioni di “respingimento”, che sarebbero dei luoghi per poter impedire a persone non autorizzate di salire a bordo. Ed informai Ron, e lui uscì e mi diede le direzioni per difenderci da queste persone. Stavano lanciando sassi, mattoni e Molotov incendiarie a bordo, e noi avevamo gomme per spegnere gli incendi, e quando provavano ad arrampicarsi a bordo li colpivamo alle mani con i tubi di gomma o con quello che avevamo in mano, e quando lanciavano sassi a bordo, noi glieli lanciavamo indietro. E li tenemmo a bada per un’ora e mezza.

E ce la facemmo, e nessuno di loro riuscì a salire a bordo. E Ron aveva coordinato la cosa in modo che tutti quelli che non erano in battaglia – stavamo combattendo usando soltanto l’equipaggio della nave – ossia il personale amministrativo, rimanesse sotto al ponte e non venisse ferito.

Ed era tornato fuori sul ponte, proprio in mezzo a tutto ciò, e aveva iniziato a fare foto ai leader della cricca là fuori sul molo, perché c’erano alcuni “provocatori” là fuori, che incitavano tutti gli altri ad attaccare, mentre se ne stavano indietro. E Ron stava facendo delle foto a loro come prova. Alcune persone che lavoravano per Ron nella sua area continuavano a dirgli: “Sir, se ne vada di sotto, vada giù, è pericoloso!”. La folla stava lanciando bombe incendiarie e pietre e tutto il resto, capite? E Ron disse: “No, deve prendere i leader della banda, perché tutto questo deve essere portato davanti al governo portoghese, e queste persone devono essere portate al processo”. Avevamo anche telefonato – usando il radio-telefono della nave – alla polizia portuale, e alla fine arrivarono con circa 50 persone nelle jeep, con mitragliatrici, e alla fine fecero sgomberare la folla. Perciò notate qui, che questo sarebbe dovuto essere un uomo “codardo”, che non pensa “razionalmente”. E invece aveva già pensato al futuro di questo episodio, a come portare queste persone in tribunale. E lo fece, e vinse la causa.

Un’altra volta di cui vi voglio raccontare prima di finire, ed è: avrete probabilmente sentito queste storie su Ron che sarebbe diciamo – strano – riguardo al cibo che gli piace, e che gli piacesse che tutto fosse pulito e così via, e gli autori che scrivono questo cercano di farlo sembrare come un qualche tipo di folle Howard Hughes, vedete? Ma quello che mancano di menzionare – le persone che scrivono queste storie – è che eravamo nei mari e nelle terre tropicali, e sub-tropicali del pianeta attorno all’Africa. Ed il problema più grande riguardo alla salute umana laggiù è una malattia chiamata colera. E un’altra cosa molto brutta da prendersi lì è chiamata malaria. E Ron aveva fatto studiare a tutto l’equipaggio libri sulla pulizia del cibo e dell’abbigliamento personale, e anche come tenersi in salute in climi tropicali. Ed in quanto Capitano della nave io ero tenuto a far rispettare queste regole per tutte – a quel tempo 400 – le persone nella nave. Perciò non soltanto Ron, ma tutti noi 400 avevamo cibo molto pulito e igienico, e vestiario molto pulito e igienico. Lavavamo i nostri vestiti ogni giorno, avevamo filtri dell’aria sulla nave, in modo che nessuna zanzara o altro potesse entrare nella nave e l’aria fosse totalmente pura. Ciascuno di noi si prendeva cura di ciò. E le persone che hanno scritto questo puntarono il dito su ciò, davano la colpa a Ron per la loro salute, perché a quanto pare non ricordavano che tutto ciò era a beneficio di tutti sulla nave, per proteggere la loro salute, in modo che potessero continuare su per il Ponte, e continuare a fare le loro missioni su 3a e 4a Dinamica.

Sembra proprio una storia differente, o no? Non quello che avete letto in quei libri, eh? Un po’ di dati omessi. Quelle stesse persone, che nel loro stato di withhold mancato hanno contribuito a questi libri, sarebbero probabilmente morte a quest’ora se Ron non si fosse preso cura di loro per tutto il tempo in cui furono nella Sea Org. E per quelli di voi che ascolteranno questo nastro che sono bloccati soltanto sulla loro 1a e 2a dinamica voglio chiedere: “Come sarebbe avere una ‘famiglia’ di 400 uomini e donne di cui prendersi cura?”. Provate ad immaginarlo!

Ed ora ecco giusto un breve finale: Ron una volta stava guardando oltre il fianco della nave Apollo – appoggiato al corrimano, sapete, che guardava semplicemente fuori, ed arrivai io e mi appoggiai al corrimano e dissi: “Buona sera, signore, come va?”. Ed eravamo fuori in mare, ed era l’inizio della notte e si potevano già vedere le stelle là fuori, ed oltre, molto chiaramente. E lui disse: “Sai Capitano, Ho un sacco di lavoro da fare là fuori” (puntando alle stelle). E disse: “Ho soltanto un problema”. E disse: “Questo corpo” (puntando al corpo), e disse: “E’ diventato un simbolo. Devo trovare qualche modo per poter andare a fare il mio lavoro là fuori, lasciando il corpo qui, in modo che nessuno sarebbe troppo triste per la perdita di un simbolo”. Ed io lo guardai e dissi: “Beh, è qualcosa in cui io non potrei aiutarti, sir. Voglio dire, non potrei immaginare come…”. Ed io dissi: “Ma lo capisco”. E lui disse: “Sì, ecco perché ti sto parlando, tu lo capiresti”. Ma egli disse: “Non sono ancora pronto, ma fra pochi anni dovrò farlo, perché ci sono delle situazioni là fuori che devo risolvere”.

E fu poco dopo di ciò che egli deve aver trovato esattamente come farlo, perché fu allora che le navi vennero vendute, si trasferì negli Stati Uniti, fece i film tecnici, i libri che scrisse, e poi se ne andò a fare il suo lavoro.

E se siete stati al passo con Settore 9, Teegeeack, gli album di musica e così via, saprete che Elron Elray, in precedenza nome del corpo L. Ron Hubbard qui sulla Terra, ma Elron Elray è ora il presidente del Gran Consiglio di questa Galassia, nel Settore 0. Ed io ho provato a spiegare la strategia di quello che sta succedendo, a livello galattico e intergalattico, nei video sugli UFO, che potete acquistare se non avete visto la conferenza. E nel “Decreto Intergalattico” potete vedere uno dei risultati del suo lavoro, in modo che possa essere messo controllo sugli “Invasori Grigi” – gli Andromedani – che stanno lavorando con gli Implantatori. Perché queste sono cose ed eventi che stanno accadendo lontano da questo pianeta, ma che avranno un grande effetto sul futuro di questo pianeta.

Così voglio dirvi che ci sono molte altre Dinamiche, su cui LRH, Ron, Elron Elray opera, e su cui sta ancora operando e STA ANCORA CONTINUANDO LE SUE MISSIONI.

Grazie mille.

(Fine della conferenza data il 21 ottobre 1990 alla OT Convention vicino a Parigi, Francia, dal Cap. W. B. Robertson).

5 commenti

Archiviato in Cap. Bill Robertson

5 risposte a “Persone Famose che ho Conosciuto

  1. Luigi Cosivi

    Bravissimo , continua a tradurre, fa piacere sentir parlar bene di LRH.

    Liked by 1 persona

  2. Marco

    Mi associo a Luigi, sentir parlare bene di LRH è l’azione più corretta: ci rinfranca e ricompatta su cosa c’è da credere e su cosa c’è da fare… LRH crea ARC, unisce e motiva gli scientoloigst.

    Grazie David per renderci disponibili questi documenti tradotti, documenti che testimoniano come veramente sono andate le cose, ma che anche ci danno un’idea di come potrebbe essere il nostro futuro… : quelli di LRH sono ancora postulati attivi.

    Marco

    Liked by 1 persona

  3. E a me fa piacere sentire queste parole da voi.

    Occorre ribaltare un po’ il flusso, perchè troppo entheta, bugie e alterazioni, soprattutto quando ripetute nel tempo, possono fiaccare anche il più irriducibile di noi.

    Qualcuno di questi “racconti” di cui parla Bill mi è capitato di leggerlo pure io.
    E vi confesso che un qualche effetto è riuscito a produrlo, perfino su di me, che mi reputo un grande sostenitore di LRH. Figuriamoci quindi su un wog, o su qualcuno che magari non ha mai sperimentato veramente la tech.

    A volte perfino in noi può insinuarsi qualche pensiero del tipo “E se in realtà Ron avesse predisposto una trappola perfetta per tutti noi?”, “E se in realtà avesse sempre voluto ingannarci?”.

    Tutti i vettori dell’attuale società sembrano spingerci verso questi tipi di risposte.
    Persone rovinate, livelli superiori mancanti, famiglie separate, morti e incidenti.

    Certo, la confusione è GRANDE.
    Credo che nessuno possa dire il contrario.

    Ma per citare CBR, vi dico che: “Ricordate, questo gioco è così difficile, perchè tutti quelli più facili li abbiamo già fatti…”
    Deve essere perciò che abbiamo vinto in tutti i giochi precedenti che ci siamo inventati, e alla fine, risultandoci ormai noiosi, ne abbiamo inventati sempre di più difficili e complicati, finché… eccoci qua!

    Forse il gioco di adesso si chiama “Cattura l’esercito nemico e fagli perdere la memoria”.
    Ma, come in ogni gioco che si rispetti e che si possa definire tale, ci deve essere per forza una qualche piccolissima probabilità di vittoria.
    Un qualche piccolissimo spiraglio.

    Certo, sembra di giocare ad un videogioco al livello di difficoltà “Ultra Mega Hyper Folle”.

    Non è che sia impossibile, è soltanto “quasi” impossibile.
    Lo è stato per Ron. Quasi impossibile.
    E adesso lo è per noi. Quasi impossibile.

    Inganni, bugie, mistificazioni, persone che cercano di sviarci, di mandarci fuori strada, minacce, paure, errori, antagonismo, confusione, alterazioni, mancanza di aiuto, abbandono…

    PERO’ non è impossibile.

    PUO’ essere fatto.

    Molto improbabile, ma può essere fatto.

    Si può giungere all’esatta verità degli avvenimenti.
    E sapete perchè?
    Perchè gli avvenimenti ci sono stati. Le cose sono successe. Perciò in teoria è possibile ricostruire quello che è successo, dal momento che la Traccia del Tempo è lì, e chiunque può consultarla. Meglio se armato di un meter.
    E capire quindi come sono andate VERAMENTE le cose.

    Uff…
    E’ un bel lavoraccio!

    Ma io penso che ce la faremo!

    Buona ricerca della verità a tutti!

    Mi piace

  4. Luigi.

    Ciao,sono luigi. Mamma mia che bel bagno di pulizia sulla consapevolezza. Io mi ero ” immaginato ” Ron esattamente come e’ descritto in questa conferenza , e le traduzioni di David sono un lavoro molto “as-is -oso termine per dire mi sento molto bene e leggero. ” e per questo fantastico . Ho visto il vero Ron e per me è stata una giusta indicazione,con tutto il godimento annesso. Grazie caro David .Ciao.

    Liked by 1 persona

  5. Grazie Luigi,
    come ho detto sopra, occorre ribaltare il flusso con un po’ di verità riguardo a Ron.
    Ma non solo su Ron: anche sulla tech, il ponte, e così via.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...