Progetto Traduzioni

Salve lettori,

su idea di Andreas Gross è stata decisa una nuova strategia per le traduzioni: commissioneremo il compito a dei traduttori professionisti.

Il costo si aggira attorno ai 5 dollari per pagina circa.
Ovviamente, non essendo questi traduttori degli Scientologist, tradurranno soltanto le parti in in inglese lasciando intatti i vari termini tecnici, sigle e abbreviazioni varie.
Io mi occuperò quindi della revisione finale e della traduzione di quelle parti che il traduttore avrà saltato, o non avrà compreso (poverini, mi dispiace se qualcuno di loro si beccherà qualche mal di testa…) 🙂 Continua a leggere

11 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Scientology 72 su Youtube

Salve lettori,

ecco tre interessantissimi video su Youtube dell’amico Andreas Gross.
Ve ne consiglio caldamente la visione.

13 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

“Watergate: The Hoax” di Ashton Gray

Salve lettori,

è da poco uscito il libro “Watergate: L’Inganno”, e in questo libro si parla anche della conquista segreta di Scientology nel 1972.

Cerchiamo quindi qualche impavido lettore di lingua inglese che voglia cimentarsi in questa lettura e farcene una recensione o un riassunto, almeno per quanto riguarda le parti riguardanti Scientology.

Troverete più informazioni al sito Wise Old Goat, qui: (link)

Allora, qualche volontario? 🙂

2 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Eroe… Martire…

 

3 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Definizione di Mente Reattiva

Salve lettori,

oggi vi voglio dare la definizione di “MENTE REATTIVA” presa dal famoso Scientology Abridged Dictionary (Dizionario Ridotto di Scientology) del 1965-72, oggi ovviamente abbandonato, ma che ritroviamo in alcune definizioni del Dizionario Tecnico sotto l’abbreviazione “Scn AD”.

“Quella porzione della mente di una persona che funziona su una base di stimolo-risposta (dato un certo stimolo, essa fornisce una certa risposta) che non è sotto il suo controllo volontario, e che esercita forza e potere di comando sulla sua consapevolezza, scopi, pensieri, corpo e azioni. Essa consiste di GPM, engram, secondari e lock.”

Essa consiste di GPM, engram, secondari e lock”…

Non trovate “strano” quindi che tale definizione di mente reattiva sia rimasta invariata fino al 1972, e anche fino all’ultima pubblicazione di tale Scn AD avvenuta nel 1973, ma che poi nella pubblicazione del Dizionario Tecnico nel 1975 sia stata tagliata della parte riguardo alle GPM, e che da lì in poi ogni riferimento alle GPM sia stato omesso in ogni definizione o riferimento alla mente reattiva?

 

8 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Il Terrore Avanza Furtivo


HUBBARD COMMUNICATIONS OFFICE
SAINT HILL MANOR, EAST GRINSTEAD, SUSSEX
HCO INFORMATION LETTER DEL 13 APRILE 1961

BPI

IL TERRORE AVANZA FURTIVO

Sono stato spronato dai commenti di un executive dell’organizzazione ad analizzare il motivo per cui veniamo osteggiati.

L’analisi mostra che ci possono essere stati molti motivi, i quali vengono confutati con un ulteriore approfondimento.

Uno stridente grido d’opposizione a Dianetics si levò prima che il primo libro fosse pubblicato, nel 1950. La stampa attaccò con veemenza la prima fondazione prima che fosse costituita.

Nei sette mesi prima che qualsiasi difficoltà personale o del personale fosse divulgata, il grosso degli articoli contro Dianetics era già stato pubblicato. Una volta, tre riviste a tiratura nazionale comparvero simultaneamente nelle edicole con articoli da copertina in cui strillavano contro Dianetics e me stesso… e questo accadeva cinque mesi prima che il “divorzio” diventasse pubblico. E tra le centinaia di cronisti e commentatori che strillavano, solo uno mi aveva mai parlato e, secondo varie prove, nessuno aveva letto il libro o sapeva alcunché sull’argomento.

Fino al maggio del 1950, di me si era parlato soltanto con toni favorevoli: sulle mie spedizioni o sull’una e l’altra cosa. Nel maggio del 1950 un urlo concertato si levò da persone che (a) non avevano letto i libri e (b) non conoscevano nulla di negativo nei miei confronti.

Questi ululati provenivano sia da gruppi conservatori che liberali, dall’AMA, dai comunisti, dai socialisti, dai cattolici. Continua a leggere

24 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Stadi di Release

 

HUBBARD COMMUNICATIONS OFFICE
SAINT HILL MANOR, EAST GRINSTEAD, SUSSEX
HCO BULLETIN DEL 5 AGOSTO 1965

REMIMEO
BPI
CERTIFICATI E CONFERIMENTI
DISTRIBUIRE A TUTTI I NUOVI
RELEASE


STADI DI RELEASE

 

Una volta che un pc ha cominciato ad uscire dal suo bank, egli continua ad uscirne oppure vi rientra dentro un poco.

Mentre è in uno stato di Release, non rimane in uno status quo.

Un Release di primo stadio spesso, con il processing, ne viene ulteriormente fuori fino a Release OT di primo stadio.

Analogamente, un Release di secondo stadio può diventare un Release OT di secondo stadio.

Nel suo comprensibile entusiasmo (si sente molto meglio, più grande e più forte), un Release a volte cerca un altro riconoscimento richiedendo la verifica di un ulteriore stato di Release.

Un pc che ha raggiunto il primo stadio può diventare Release OT di primo stadio, ma non può in alcun modo diventare Release di secondo stadio senza i Procedimenti di Potere. In breve, non si può avanzare dallo stadio 1 al 2, ecc., senza ricevere l’effettivo processing.

Perché? Perché‚ un key-out non è altro che quello: un key-out. Solo perché non si ha più una tigre in grembo, non significa che la tigre sia sparita. È semplicemente andata in anticamera. Nel corso dell’esistenza qualcuno lascerà la porta aperta. La tigre non gli ritornerà in grembo, ma sicuramente si adagerà sul tappeto e sogghignerà. Key-out significa che la tigre c’è ancora. Release significa che è lontana. Un Release di primo stadio può essere più release di un altro Release di primo stadio. La tigre è più lontana.

Ma quando si comincia a salire di numero (primo, secondo, terzo, ecc.) si sta parlando 
di meno tigre.

C’è meno bank. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

AAA Traduttori Cercasi…

Salve carissimi lettori,

rinnovo in queste poche righe l’invito a collaborare per alcune traduzioni dal sito dell’amico e collega Andreas Gross.

Il sito è blog.scientology-1972.org, e vi troviamo un grande quantità di documentazioni relative alla conquista segreta di Scientology e relative alterazioni tecniche.

La traduzione e divulgazione di queste ricerche hanno il potenziale di salvare letteralmente vite, per cui qualsiasi aiuto in questo senso è davvero apprezzato.
Ad esempio, abbiamo oggi un gravissimo dato falso relativo alla Condizione PTS, perpetrato attraverso l’infame 10 agosto 1973, per cui “tutte le malattie derivano da una condizione PTS…”.

Consiglio perciò a qualsiasi potenziale traduttore di leggere il Blog di Andreas, e di vedere se c’è qualche articolo che gli piacerebbe tradurre.

Grazie mille!

David

1 Commento

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

La nostra Saint Hill…

IMG-20160525-WA0004

20160524_161128

20160524_16121520160524_161021

IMG-20160525-WA0000

Salve lettori,

ecco alcune foto di quella che potrebbe diventare la nostra futura sede.
🙂

Il Progetto Scientology 72 continua…

E continuiamo a cercare persone che vogliano unirsi a tale progetto…

Contattate in privato per informazioni: settore9@outlook.it

 

1 Commento

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Il Clear di Scientology

Salve lettori,

recentemente vi avevo detto (verbalmente) che un Clear di Scientology è un vero Clear e che non ha più bisogno di alcun auditing soggettivo.
[Aggiunta successiva alla pubblicazione di questo articolo: vedere l’area dei commenti per ulteriori informazioni su questa affermazione].

Questo ovviamente può sconvolgere un po’ i dati stabili di tutte quelle persone che sono state addestrate o hanno avuto esperienza soltanto con il ponte fasullo di RTC, e che sono abituate a continuare, e a continuare, e a continuare a far auditing soggettivo sui livelli OT.
Questo succede perchè non hanno mai risolto quello che si sarebbe dovuto risolvere nel Ponte Inferiore, e poi quindi nel Grado VII del Ponte Inferiore, dove l’intera mente del preclear svanisce.
Ecco quindi il dato:

dall’HCOB del 2 Aprile 1965: “LA STRADA VERSO CLEAR”

[…]
GLI STATI DI ESSERE

UN RELEASE è sopra al Livello V

UN CLEAR è sopra al Livello VI

UN THETA CLEAR è al Livello IX

UN THETAN OPERANTE è al Livello XVIII.

Sopra al Livello VI non ci sono “procedimenti di auditing mentale” come li conosciamo. Ci sono soltanto vari esercizi e procedimenti di familiarizzazione come quelli ne “La Creazione dell’Abilità Umana”, e la riconquista delle abilità che si supponeva non potessero essere mai raggiunte.

Questa è la strada e la mappa della strada.

L’unico errore che ho fatto è stato credere che la strada fosse un po’ più breve di quello che in realtà è.

[…]

L. RON HUBBARD
Fondatore

Continua a leggere

24 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Il Clear di Vita Passata

Salve lettori,

la sera scorsa mi ha telefonato un caro amico. Aveva bisogno di parlarmi un po’ riguardo alle sue esperienze di auditing.

Dopo aver attestato Clear (avendo ricordato di aver fatto il Clearing Course nella vita precedente) è stato messo poi sui Gradi Inferiori, a partire dal Grado O.

Tralasciando i dettagli tecnici di cui mi ha parlato, alla fine della conversazione mi ha chiesto caldamente di scrivere un articolo su questo argomento, in modo che possa essere d’aiuto per chiunque altro si trovi nella stessa situazione.

Il suo dubbio principale era riguardo al fatto se dovesse o meno fare (o rifare?) i Gradi Inferiori.

Una fra le risposte che gli diedi, fu che la Tech Standard è assolutamente logica, e che perciò se qualcosa non sembra essere logico, si può essere certi che quella non è Tech Standard.

Proviamo perciò ad applicare la logica e l’intelligenza a questo specifico caso di un Clear di Vita Passata, o semplicemente di una persona che dice di aver ricevuto auditing in una vita passata. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Con Il Senno Di Poi…

Ieri un mio caro amico si è imbattuto in un vecchio post di Richard, e me lo ha riproposto…

Ebbene, analizzandolo con il senno di poi, io trovo che ci siano dei punti decisamente rivelatori, per non dire inquietanti…

Ecco perciò tale post, comparso alla Reception il 21 maggio 2012 (clicca qui), dal titolo: “E Se…”, e successivamente la mia analisi:

L’unico vero e immenso problema con la Verità è quello di saperla riconoscere quando ci sfiora o ci passa davanti confusa tra le menzogne.

E se….  

E se… nel ’68 durante il primo progetto pilota del livello VIII ci fossimo imbattuti in una Verità così sconvolgente da farci riesaminare tutto il lavoro svolto fino ad allora?

E se … a quel punto i livelli IV, V e VI fossero diventati quasi inutili?

E se… il GO ci avesse fornito le informazioni che speravamo di non dover ricevere?

E se … ci si fosse resi conto che stavamo dirigendoci ormai in una trappola, e cosa peggiore, ci stavamo portando i nostri veri amici?

E se … per rimediare a questo avessimo lavorato alacremente dal ’72  al  ’82 per sconvolgere l’intero Ponte al fine di renderlo non idoneo allo scopo di produrre un Thetan Operante?

E se … Solo Nots fosse stato l’uovo di Colombo per indirizzare tutti verso un vicolo cieco?

E se … i veri Livelli Superiori non fossero stati lasciati di proposito a chi asserisce di possederli?

E se … la vera Tech fosse al sicuro in attesa che dei veri Pionieri della Libertà Spirituale possano disporne e continuare il lavoro esattamente da dove venne interrotto?

E se … queste poche frasi spiegassero ampiamente gli ultimi 30 anni di Track relativi alla Tecnologia?

E se … gli occhi  di chi le legge diventassero improvvisamente più luminosi?

A quel punto….sapresti riconoscere la Verità?

Qualsiasi cosa succeda ricorda: “Source è sempre Source”!

Il primo punto su cui voglio mettere l’attenzione, è l’ammissione qui, seppur indiretta, da parte di Richard, di essere consapevole che la Tech è stata alterata a partire dal 1972 fino al 1982.
Questo è un punto davvero sconcertante, dal momento che nel 2012 nessuno parlava ancora di “Scientology 72”. L’argomento non era ancora conosciuto, perlomeno qui in Italia. Continua a leggere

10 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Jon Zegel su David Mayo

Su notevole insistenza di Oldman, e a seguito di numerose e turbolente comm via mail che lui stesso vi può confermare ( 🙂 ), ho deciso infine di assecondare le sue volontà e di pubblicare questo nastro di Jon Zegel (ovviamente dopo averlo convinto a tagliarlo, mantenendo solo le parti principali).

Non so che cosa voglia dimostrare Oldman con ciò, e infatti lascerò che risponda lui a qualsiasi domanda.
Se vuole dimostrare che David Mayo è in malafede e un impostore, va bene, sarà accontentato. Io non vedo la necessità di dimostrarlo (dal momento che questo è già ovvio di per sé), o quantomeno di “dimostrarlo” tramite la testimonianza di qualcuno.

Questo è infatti il punto su cui io e Oldman ci siamo scontrati ultimamente, ossia che secondo lui delle testimonianze possano essere delle prove e dimostrazioni.
Io invece non ritengo assolutamente che possano esserlo, perchè come minimo ci possono essere 2 cose che non vanno in esse: 1) la testimonianza è falsa; 2) anche quando vera, la persona può essere nel torto.

Ma questa è la strada che Oldman ha scelto per arrivare alla sua meta, ed io gliela voglio concedere (non prima però di avergli fatto sudare le sue proverbiali 7 camicie, e questo ve lo potrà confermare di persona!).

Io invece ritengo che il modo corretto di farlo sia tramite DATI TECNICI, attraverso la tech. Ossia dimostrando le varie incongruenze e contraddizioni e assurdità nella tech a partire dal 1973 in poi.
E questo lo si sta già facendo con successo in questo Blog.
E lo si è fatto e lo si continua a fare da ancor prima nel Blog del caro amico Adreas Gross (Scientology-1972), e dell’amico Michel Snoek (Wise Old Goat).

Ma ad ogni modo, eccovi al tanto atteso nastro N.4 di Jon Zegel: Continua a leggere

13 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Uso del Meter

Salve lettori,

Durante la traduzione del bollettino “Routine 3-R Rivista” del 6 maggio 1969 II, per capire meglio un passaggio sono andato a leggermi l’originale bollettino “Routine 3-R” del 24 giugno 1963, da cui è tratto.

Ed ecco quindi due passaggi molto interessanti: uno riguardo al datare al meter, e l’altro riguardo al percorrere qualcosa che non ha read sul meter…

“Un altro errore è mancare di accettare i dati del pc. I dati del pc si prendono. Non si prendono mai i suoi ordini.

Esempio corretto: Auditor (datando al meter): “E’maggiore di 18 trilioni, minore di 18 trilioni (ottiene read contraddittorie o un ago sporco). (Senza meter) Stai pensando a qualcosa?”. PC: “E’ minore di 18 trilioni”. Auditor: “Grazie. (Al meter) E’ maggiore di 17 trilioni, 500 miliardi. Minore di …”. PC: “E’ 17 trilioni, 908 miliardi, 406 milioni, 95 mila e 706 anni fa”. Auditor (avendo accuratamente scritto giù tutto): “Grazie”. (Termina la datazione).”

[…]

Nel datare, i dati contrari del pc non detti e non presi possono darti una data completamente sbagliata.

Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog

Una lettera…

Salve lettori,

ricevo spesso lettere per informazioni e consigli, e dopo aver risposto ad una di queste, ho trovato interessante pubblicarne il contenuto a beneficio di tutti:

Ciao Davide,
sono uno scientologo dal xxxx, ho abbandonato la “chiesa” nel xxxx e sono indipendente dal xxxx. Ho fatto i livelli OT nel campo indipendente fino ad OT xxxxx
E’ solo da due giorni che leggo il tuo blog e lo trovo molto interessante.
La prima cosa su cui sono andato subito in accordo è il fatto che Ron sia stato sequestrato e sostituito da un sosia, questo è stato un mio pensiero qualche anno fa quando ho scoperto come stavano realmente le cose.
Altra cosa su cui sono d’accordo è che con OT VIII, il Ponte non è completo e sono certo che Ron lo ha sviluppato interamente.
La cosa che sto cercando di capire è quali sono i passi mancanti che devo fare. Tu puoi darmi una mano in questo?
Ciao,
XXXXXXXXXX

 

Ciao xxxxxxxxx,

sono molto felice che tu mi abbia scritto.
Le tue percezioni sono molto buone, così come la tua Knowingness, ossia la percezione di quando qualcosa “non va”, e di quando invece qualcosa è corretto. Tale Knowingness è come una bussola che ti guida attraverso un oceano di inganni e menzogne. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in Tutti gli Articoli del Blog